FOCUS
I fatti, i personaggi,
le inchieste

PREVISIONI DEL TEMPO
Commenti, interventi,
polemiche

IDENTIKIT
Ecco che cos’è
società civile

MEMORIA
Archivi e documenti

CENTOFIORI
Il meglio nella rete
e nel mondo

FORUM
Spazio libero alle idee

 
 
 

I sondaggi Rai
ora li fa Berlusconi

 

Hdc-Datamedia farà i sondaggi per la tv pubblica. Ma è il sondaggificio di Berlusconi. Generosamente finanziato da Efibanca. Storia di Luigi Crespi, dal Pci alla corte di Marcello Dell’Utri. E di alcuni imbarazzanti documenti commerciali...


Datamedia ha vinto la gara d'appalto
: per i prossimi tre anni fornirà i sondaggi elettorali alla Rai. Luigi Crespi, il sondaggista di Berlusconi, sarà così anche il sondaggista della tv pubblica. I concorrenti hanno sempre rimproverato a Datamedia di essere, prima che una società di rilevazioni demoscopiche, uno strumento per creare consenso: a Berlusconi e Forza Italia, sempre premiate con numeri mirabolanti. Come la Diakron di Gianni Pilo nel 1994, oggi Datamedia sembra, piś che un’indipendente azienda di sondaggi, una macchina da guerra per produrre e aumentare consenso attorno a Berlusconi.

Lo shopping


Nel 2000, Datamedia, piccolo sondaggificio di casa Berlusconi, comincia a cambiare pelle. Si trasferisce in una nuova, lussuosa sede nel centro di Milano e inizia un ricco shopping: acquista quote di agenzie e aziende, creando un vero e proprio gruppo nel settore comunicazione e pubblicitř, sotto la sigla Hdc. Sono entrate a far parte della famiglia Datamedia-Hdc la web agency Light planet, l'agenzia di pubbliche relazioni Metafora di Sergio Vicario, la societř di direct marketing Datacontact, la casa di produzione Alto Verbano di Renato Pozzetto, l’agenzia di pubblicitř Show up e la centrale media Dataplanning. Poi Crespi ha comprato la Cirm di Nicola Piepoli e ha tentato di comprare anche la Directa di Giorgio Calò. Infine ha rilevato il 20 per cento del quotidiano di comunicazione ".com".

Crespi, da TvBank al successo


Il creatore di questo piccolo miracolo italiano ╦ Luigi Crespi, oggi massiccio presidente di Hdc Datamedia Group. Da giovane era schierato a sinistra, era un funzionario del Pci. Poi divenne socialista e rest┌ affascinato da Bettino Craxi. Nell’ambiente delle ricerche di mercato entr┌ negli anni Ottanta, quando apr¤ una piccola sede nella scintillante Milano da bere e cominci┌ a rilevare gli ascolti delle tv locali: per conto di TvBank, l’associazione delle 600 piccole antenne che affollavano l’etere, cercando faticosamente di ritagliarsi uno spazio tra i giganti Rai e Fininvest. TvBank, l’Auditel delle antenne locali, in quegli anni era per Datamedia l’unico lavoro di peso. Ma non godeva, nel settore, di grande considerazione: gli ascolti di Telepicchio o di Retepallino erano praticamente indimostrabili, e stupiva la precisione con cui quella piccola struttura milanese riusciva invece a fornire, regione per regione, provincia per provincia, il numero degli spettatori giornalieri. Qualcuno, nel settore delle tv, diceva apertamente che i dati erano un po1 arrangiati, e che si poteva intervenire presso Datamedia per renderli migliori: ma sono solo cattiverie, pettegolezzi indimostrabili. Datamedia, per┌, intanto cresce. Dopo il 1993 si butta sui sondaggi politici. All’inizio compiace un po’ la Lega, allora allo stato nascente. Poi se la inimica per sempre: Umberto Bossi la attacca senza troppe perifrasi, com’╦ suo stile, in una trasmissione televisiva di Antenna 3, il 21 dicembre 1996. "Quel signore che era l¤", dice riferendosi a Crespi, "quello che dava i dati fasulli e ripreso anche da Gianfranco Funari un tempo, perch╚ falsificava sistematicamente tutti i dati lavorando spesso per Berlusconi...".
Con toni piś morbidi, anche gli operatori del settore non risparmiano critiche a Crespi: "Per me Datamedia non esiste", dichiarò Nicola Piepoli del Cirm, "non appartiene all’associazione italiana degli istituti di ricerca e neppure a uno degli organismi di controllo internazionali che radunano i ricercatori nel campo del marketing politico. Poi ognuno ╦ libero di farsi fare i sondaggi da chi ritiene piś affidabile. Io dico solo che i sondaggi sono esplorazione dell’opinione di oggi, non previsioni su quello che potrř avvenire domani...".
Datamedia tenta di entrare nell’associazione che riunisce le aziende del settore, la Assirm. Ma ╦ respinta: alla votazione degli associati non raccoglie neppure un voto. l’esclusione per┌ non pare averla danneggiata: l’azienda di Crespi ╦ cresciuta in visibilitř, dimensioni, fatturato. Oggi occupa la prestigiosa sede che fu dell’Olivetti. A un collega sondaggista che lo criticava per i suoi dati troppo favorevoli a Berlusconi, Crespi ha risposto: "Io non sono uomo di Berlusconi. Semmai di Marcello Dell’Utri". Tra gli operatori del settore, del resto, circola da tempo una leggenda: Datamedia sarebbe cresciuta, dopo il tramonto della Diakron di Gianni Pilo, con capitali riconducibili ad ambienti Fininvest e a Berlusconi. Ma fin qui potrebbe essere solo folklore. La domanda di sostanza che i sondaggisti si pongono ╦ piś radicale: Datamedia ╦ davvero un1azienda indipendente, o ╦ un braccio del partito-azienda di Berlusconi?

Arrivano i soldi


La domanda sull'origine dei soldi di Crespi oggi trova una risposta, almeno parziale: il generoso finanziatore di Hdc è Efibanca, la banca d'affari della Popolare di Lodi, già a suo tempi generosa con Berlusconi e la Fininvest. Nell'autunno 2001, infatti, arriva il partner finanziario che ha dato ossigeno a Crespi: Efibanca ha rilevato l'11 per cento di Hdc, sborsando 11 miliardi di vecchie lire. Dunque ha dato al gruppo l'incredibile valutazione di 100 miliardi, ben 27 volte (come ha scritto l'Espresso) il margine operativo lordo ottenuto nel 2001, anno in cui Hdc ha fatturato 96,2 miliardi di lire. Non solo, Efibanca ha anche prestato alla Hdc 25 miliardi, sotto forma di obbligazioni da convertire in azioni al momento della quotazione in Borsa, oggi programmata per il 2004. Un bel rischio, in questi tempi di crisi borsistica.


I poster di Silvio li paga Datamedia

Una prova dei rapporti diretti tra Datamedia e Forza Italia è stata scoperta dal settimanale "Diario" nell'autunno 2001. Il settimanale ha scovato una comunicazione emessa da Marketing place srl, la societř di Milano che curava la pianificazione dei manifesti elettorali di Forza Italia: "Oggetto: Campagna affissione Forza Italia dal 12/03/2001. Con la presente Vi confermiamo la prenotazione del lancio per l’affissione in oggetto, come da dettaglio impianti per localitř allegato. Dati per l’emissione del modulo d’ordine: inviare a Marketing place, via Mascheroni 15 per il controllo, intestato Hdc Datamedia spa, vicolo San Giovanni sul Muro 1, Milano". Un altro foglio intestato Marketing place aggiunge: "In allegato alla presente Vogliate trovare il prospetto inviatoci dalla Hdc Datamedia spa, relativo alle date di pagamento delle campagne Forza Italia". Il prospetto citato allinea una serie di date e cifre: periodo, importo, scadenza, pagamento. Sette tranche per le affissioni dell’anno 2000, ciascuna per importi che vanno da 1,7 a 2,5 miliardi. Totale: 15 miliardi. La data indicata per il primo pagamento ╦ l’8 marzo 2001, l’ultimo ╦ per il 15 aprile. Nota finale: "E via di seguito per le campagne del 2001". Questo ╦ il prospetto che nella comunicazione di Marketing place risulta "inviato da Datamedia": dunque l’azienda presieduta da Crespi risulterebbe essere la reale organizzatrice della campagna d’affissioni di Forza Italia.
Ci┌ ╦ compatibile con il suo ruolo di rilevatore di propensioni e intenzioni di voto? E, ora, di rilevatore pagato dalla tv pubblica?
Silvio Berlusconi, ospite di Bruno Vespa a Porta a porta, ha cercato di ridicolizzare un sondaggio elettorale Explorer pubblicato dal quotidiano "La Stampa", con la motivazione che a realizzarlo sarebbe stato un sociologo "comunista", Stefano Draghi. Ma se ╦ vero che Datamedia organizza la campagna elettorale di Forza Italia, che credibilitř possono avere i suoi sondaggi?



 
 
 

Cerca nel sito o nel web


Sito Web

powered by FreeFind

 
 

 

Catalogo dei parlamentari
Deputati e senatori (appena eletti) condannati, riciclati, candeggiati. Storie da non far sapere all'Economist

Repubblica delle Banane
Cronache di regime

........................

Vita, opere e miracoli
di Silvio

Nato davanti a una sede del Pci. Cresciuto all'ombra della Banca Rasini (che Sindona definì «la banca della mafia»). Palazzinaro con «buoni agganci» nell'amministrazione. Poi la tv. I soldi. E la politica

L’odore dei soldi
Le origini (oscure) di un promettente imprenditore. Società svizzere. Sconosciute casalinghe. Commercialisti e prestanomi. Poi, una bizantina architettura di holding

Sull’orlo del fallimento
Debiti per 4 mila miliardi. Così la Fininvest ha rischiato il naufragio. Poi, la quotazione in Borsa. Ovvero: come diventare ricchi con i «comunisti» al governo.

La Fininvest ombra
Il sistema di società estere di Berlusconi. Nella Fininvest Group B sono transitati più di mille miliardi neri. Usati per ogni genere di operazioni. Illegali

L’ipotesi B
La drammatica transizione italiana. Che cosa c'entra Silvio Berlusconi con le stragi del 1992 (Falcome e Borsellino) e con quelle del 1993 a Firenze, Roma e Milano?

Milano, la seconda generazione
La strana storia di due imprenditori nella capitale lombarda. Molto amici di Vittorio Mangano, lo «stalliere». Molto vicini a Marcello Dell'Utri

Forza mafia
Il partito di Berlusconi e i suoi uomini in Sicilia e il Calabria. Le amicizie pericolose di Forza Italia nelle regioni di Musotto, Miccichè, Giudice, D'Ali, Matacena...

Nessuno mi può giudicare
Il curriculum giudiziario completo del Cavaliere. Da un'inchiesta per riciclaggio del 1983 a oggi. Tutte le indagini, tutti i processi, tutte le sentenze

Dicono di lui
La stampa internazionale su Silvio Berlusconi

 
posta